Hotel San Giorgio Matera ~  Dimore Storiche 

Albergo diffuso nel cuore dei Sassi di Matera 

 Storia & Relax

 

 

Offerta Last Minute Venerdì 19 Ottobre 2018.  ►

   

Suites nei Sassi di Matera

La struttura è conosciuta per l’attenzione riservata ai propri Ospiti e per la suggestiva posizione nel cuore dei Sassi di Matera; i giudizi presenti sui principali portali confermano la qualità del servizio ed i pregi della struttura.

Le Suites dell’ Hotel, frutto dell’attento restauro di eleganti palazzotti gentilizi e del recupero di affascinanti ipogei, hanno caratteristiche architettoniche uniche: atmosfera di charme e massima comodità coesistono in ambienti magici.

L’Hotel offre anche Suites con angolo cottura, ideali per le famiglie e per una cena riservata; nelle immediate vicinanze della struttura, facilmente raggiungibile in auto, si trovano ristoranti caratteristici ed un ampio parcheggio gratuito.

     

Hotel San Giorgio Matera ~ Storia e Relax

Immerso nella storia della città antica di Matera: durante i lavori di ristrutturazione del nucleo principale è venuto alla luce il meraviglioso Complesso Rupestre di San Giorgio al Paradiso: il sito racchiude tutta l’evoluzione della storia millenaria di Matera.

Ambienti antichissimi che vi riporteranno indietro nel tempo e vi faranno vivere in completo relax la storia della città; la statua del Santo, simbolo dell’hotel, è una pregevole scultura che vi affascinerà per l’equilibrio delle forme. Alessandra, titolare della struttura, guida turistica ed escursionista, proporrà le migliori soluzioni per rendere unica la vostra esperienza nella città dei Sassi.

CENNI STORICI

A metà  strada tra la storica piazza del Sedile e via Fiorentini, nella contrada in cui ha sede il centro culturale La scaletta, è emerso, durante i lavori di ristrutturazione di una abitazione settecentesca, un sito rupestre che, nei suoi 40 metri di profondità , percorre 1000 anni di storia materana. L’antica chiesa di San Giorgio al Paradiso ha prima lasciato il posto ad un frantoio con i suoi dolii e poi, nel ‘700, ad una cantina per la pigiatura dell’uva e lo stoccaggio delle botti. Il sistema di recupero delle acque è visibile con i suoi canali intatti e con le cisterne intonacate di coccio pesto.

I pozzi, il solco lasciato dal mulo che trainava la macina, la splendida statua di San Giorgio, il palazzotto gentilizio, fanno rivivere secoli di storia locale.